Coronavirus

Aggiornamento sulla situazione in seguito alle nuove decisioni del Consiglio federale il 20 marzo 2020

Comitato NVS

Le nuove misure del Consiglio federale non introducono novità per quanto riguarda l’autorizzazione all’esercizio delle attività nel settore della terapia complementare o della naturopatia.

image

Tutte le terapiste e i terapisti complementari, le naturopate e i naturopati che non abbiano, in base all’attuale ordinanza 2 COVID-19, un’esplicita autorizzazione derogatoria per esercitare la loro attività sono obbligati a chiudere il loro ambulatorio risp. a mantenerlo chiuso fino alla soppressione delle misure straordinarie. Trova qui informazioni sui servizi della Confederazione e di tutti i Cantoni.

Purtroppo ci è stato riferito di diversi casi in cui singoli terapisti complementari e naturopati non si attengono come raccomandato alla consulenza telefonica e al sostegno tramite media elettronici, bensì continuano a lavorare in ambito privato.

Sottolineiamo che ciò nelle attuali circostanze è assolutamente vietato! Facciamo appello al suo senso di responsabilità quale terapista!

Accogliamo con grande soddisfazione le misure annunciate oggi dal Consiglio federale per sostenere l’economia, in particolare le piccole e medie imprese e gli indipendenti, tra i quali anche lei. Quale forma avranno le misure e quale indennità lei potrebbe ricevere non è ancora stato enunciato nel dettaglio. È necessario attendere la relativa ordinanza del Consiglio federale annunciata per mercoledì 25 marzo 2020.

Ci stiamo organizzando, insieme ad altre associazioni professionali e organizzazioni mantello della medicina complementare, per impegnarci al meglio in suo favore e per arginare le conseguenze di questa situazione straordinaria.

Il segretariato della NVS continuerà a restare raggiungibile. Il direttore Jan Saner e il suo team si sono organizzati di conseguenza. Anche in questo caso la terremo informata sugli eventuali sviluppi della situazione.

Abbia cura di sé e stia in salute!